Tutori Stagni e Zone Umide del Friuli Venezia Giulia Rotating Header Image

scuole

Save the frogs, resoconto!

Da ormai 5 anni si festeggia in tutto il mondo la giornata "Save the frogs", un momento in cui fermarsi a pensare al problema del drammatico declino globale degli anfibi. L'iniziativa nasce appunto nel 2008 negli Stati Uniti raccogliendo naturalisti, scienziati ed educatori per portare avanti un messaggio importantissimo: gli anfibi stanno scomparendo e dobbiamo fare qualcosa subito.

Quest'anno anche la Societas Herpetologica Italica ha deciso di appoggiare l'evento invitando i soci a organizzare attività il 27 aprile, abbinando al messaggio di Save the frogs anche la voce degli erpetologi italiani.

 

 Programma Save the Frogs Day

 

La nostra associazione ha aderito con entusiasmo, le idee erano fin troppe e dopo una lunga discussione abbiamo deciso di sfruttare nuovamente la nostra sede all'inizio della pista ciclabile per un evento che raccogliesse adulti e bambini con attività didattiche per ogni età.

Il meteo purtroppo non è stato dalla nostra parte e abbiamo avuto una giornata di tempo coperto ma senza pioggia. Nonostante questo sono state oltre 200 le persone che sono passate a trovarci e hanno apprezzato il nostro impegno.

Vicino allo stagno era sempre presente uno dei nostri volontari per indicare le specie che si potevano vedere prestando attenzione e per raccontare la storia di questo piccolo ma prezioso biotopo nel pieno centro della città. 

DSC 5515

Vicino all'infopoint invece le nostre volontarie impegnavano i bambini, accorsi in gran numero, con dei giochi studiati per divertire ed insegnare: oltre agli intramontabili origami a forma di rana avevamo preparato un memory con le specie di anfibi locali, un gioco per imparare i vari stadi del processo di metamorfosi e un labirinto per il rospo che deve raggiungere il suo stagno evitando i pericoli.

DSCN9999

Abbiamo poi messo all'opera le nostre artiste Mara e Isabella per realizzare uno splendido cartellone per le fotografie e per dipingere sui visi dei bambini tante piccole ranocchiette.

DSC 5548IMG 9037

 

Ma il vero successo dell'iniziativa è stato dato dai nostri ospiti d'eccezione: ululoni, tritoni punteggiati e una bellissima libellula depressa che ha incantato tutti mentre terminava l'ultima muta e si involava per la prima volta.

DSC 5531

 

Siamo felici di aver aggiunto il nostro contributo a questa iniziativa, e stiamo già studiando le idee per il prossimo anno!

DSC 5474

 

 

 

 

Pedalata di primavera!

Sabato 23 marzo, il Comitato Trieste in Bicicletta ha festeggiato i due anni di convenzione con la Provincia di Trieste per la diffusione dell' attività ciclistica sulla pista Ciclo Pedonale Giordano Cottur, con un riuscitissimo appuntamento dedicato a giovani e giovanissimi finalizzato alla promozione dell’uso della bicicletta lungo la pista ciclabile della Val Rosandra.

All’appuntamento hanno preso parte oltre un centinaio di ciclisti suddivisi tra “giovanissimi” dei Ricreatori Pitteri e Gentilli, le scuole Giotti e Laghi e del gruppo sportivo Happy Sport ed i “bikers” dei vari sodalizi ciclistici triestini.
Con partenza dall’Info Point Rodolfo Crasso sito all’inizio della pista a San Giacomo, i giovani partecipanti guidati dagli educatori e dai maestri della Scuola di Mountain-Bike 360MTB hanno raggiunto lo skate-park di Altura dove hanno partecipato ad una gincana predisposta per l’occasione.
Abilità di guida e prestanza atletica uniti ad una condotta disciplinata svolta in sicurezza (tutti gli incroci della pista ciclopedonale sono stati presidiati dai volontari del Comitato)  hanno garantito ai partecipanti una bellissima esperienza, finalizzata al pieno godimento dell’attività ciclistica.
Poco prima della partenza del “gruppone” dei giovanissimi ha preso il via una dimostrazione “cronometrata” tra S.Giacomo e Draga S.Elia che ha visto sfilare, davanti agli occhi dei ragazzi, alcuni tra i migliori ciclisti della nostra provincia.
Miglior tempo tra i partecipanti maschili è stato quello di Luca Giugovaz che ha impiegato 26 minuti e 18 secondi per compiere gli oltre 11km del percorso mentre in campo femminile l’inossidabile Michela Facchin ha registrato un ottimo 30’31”; entrambi gli atleti fanno parte della Società Ciclistica Cottur a cui è dedicata la Pista.
All’appuntamento, oltre al Presidente provinciale della Federazione Ciclistica Italiana Francesco Seriani e dell’intero Comitato Provinciale FCI hanno partecipato i Presidenti delle Società del Comitato Trieste in Bicicletta (Gruppo Ulisse della Federazione Italiana Amici della Bicicletta, SC Cotttur, ASD Ciclo Club Trieste, ASD Federclub Trieste, 360MTB ed ASD Granfondo d’Europa). All’appuntamento hanno partecipato inoltre un nutrito numero di soci dell’ Associazione Tutori di Stagni e zone umide del Friuli Venezia Giulia che hanno distribuito materiale informativo e nell’occasione hanno provveduto alla sistemazione e pulizia dello “stagno” posto nei pressi dell’Info Point.
 
IMG 8468IMG 8467
 
IMG 8472

Il lungo viaggio dei rospi migranti

Ogni anno cerchiamo di abbinare all'attività di monitoraggio delle strade alla didattica, e i risultati cominciano a vedersi. Quest'anno la risposta degli automobilisti a cui chiedevamo di cambiare percorso è stata molto più positiva e abbiamo persino ritrovato gli stessi automobilisti con i figli al seguito armati di torce a cercare rosp nelle serate successive. E un'enorme soddisfazione è arrivata dalla scuola Biagio Marin di Trieste. L'anno scorso siamo stati in classe a raccontare ai bambini della migrazione e di cosa cercavamo di fare, e con l'aiuto di alcune insegnati eccezionali hanno fatto un vero e proprio reportage con origami, disegni, racconti e canzoni per raccontare ai loro amici la storia dei rospi migranti.

Ve lo presento con estremo orgoglio!


NewImage