Tutori Stagni e Zone Umide del Friuli Venezia Giulia Rotating Header Image

April, 2011:

Resoconto uscite!

Le due ultime uscite serali programmate sono state molto interessanti: martedì abbiamo trovato gli ultimi rospi comuni che ancora si attardavano presso le pozze di Borgo grotta e controllato lo stato di conservazione degli ambienti.

Durante la seconda serata siamo stati a Draga sant' Elia: già il tragitto è stata una piacevole sorpresa, con attraversamento di una lepre e un capriolo per nulla diffidenti. Gli stagni sono sempre molto belli, pieni di larve di rospo comune e di rana dalmatina. Abbiamo anche visto 6 rane dalmatine adulte che si muovevano nei dintorni degli stagni, e molti tritoni punteggiati e crestati. Nella piccola sorgente a valle invece nonostante la poca acqua abbiamo osservato molte larve di salamandra pezzata.

Una sosta allo stagno 18 di Basovizza per rattristarci delle condizioni: la vegetazione acquatica è eccessiva e si vedono moltissimi pesci di varie taglie. Resistono solo alcune larve di rospo comune, ma tra le immondizie, i rami, i pesci e la vegetazione non hanno un futuro roseo.

Per chiudere con un sorriso ci siamo fermati a Banne, dove l'acqua limpidissima ci ha permesso di contare decine e decine di tritoni crestati, mescolati alle larve di rospo comune, di rana dalmatina, ai tritoni punteggiati e a un bell'esemplare di natrix.

Ed ora un po' di pausa fino alle prossime piogge, quando speriamo di ascoltare un bel concerto di raganelle.

Uscite serali

Augurando a tutti un felice proseguimento delle festività pasquali, vi avverto che organizzeremo due uscite serali estese a soci, amici e simpatizzanti con l'associazione Tutori stagni martedì 26 e mercoledì 27. In entrambi i casi l'incontro è alle 19.30 in piazza Oberdan, portate una torcia e calzature adatte a camminare nel bosco.
Le uscite dato l'orario e il percorso non sono adatte ai bambini, la settimana sucessiva organizzeremo un'uscita indirizzata a loro.

Laghetti delle Noghere… a specchio

Domenica 10 aprile, dietro invito dell'ornitologo Enrico Benussi che da circa un anno ha in gestione il biotopo dei Laghetti delle Noghere, ci siamo uniti alla forestale, protezione civile e tanti cittadini di Muggia, per una pulizia dell'area. P4100027.JPG Facciamo un passo indietro: i laghetti si trovano nel comune di Muggia, e si sono naturalmente formati su cave di argilla dismesse. Non sono veri e proprio laghi perché la profondità è molto ridotta, ma vengono comunemente chiamati così anche per paragone con gli altri stagni della provincia che sono molto più piccoli e meno profondi. La storia dei "laghetti" è molto travagliata: gli scavi in argilla abbandonati si sono ben presto allagati, ma dopo poco sono stati anche riempiti di immondizie. Tutta l'area è stata utilizzata come discarica, e l'opera di bonifica è ancora oggi in atto, ma la natura ha preso il sopravvento e un visitatore oggi mentre ammira la vegetazione e ascolta il canto degli anfibi e degli uccelli non potrebbe immaginare il passato. Il sito è stato ufficialmente istituito a biotopo naturale nel 2001, ma su parks.it non c'è ancora una scheda dettagliata. Potete pero' vedere la posizione del sito. Domenica come dicevo è stata organizzata un'ulteriore pulizia dell'area, ormai i rifiuti più grandi sono stati asportati ma il torrente che corre sul lato del biotopo porta con ogni piena dei nuovi relitti, e ovviamente qualche cretino pronto a gettare la sua bottiglietta d'acqua c'è sempre. P4100026.jpg Ci siamo coordinati alla perfezione con gli altri volontari: mentre la protezione civile si occupava del torrente Menariolo e dei rifiuti di grosse dimensioni portati dalle piene, i bambini delle scuole accompagnati da genitori e maestri hanno pattugliato i sentieri raccogliendo bottiglie, lattine e tutti i "normali" rifiuti gettati dai visitatori maleducati. Noi ci siamo occupati dei laghetti veri e propri, infilandoci tra rovi e arbusti per recuperare tutto quello che galleggiava sulla riva o era stato portato sulle sponde. P4100043.JPG La mattinata è volata, accompagnati dal gracidare delle rane ridibunde e con lo spettacolo degli aironi rossi che sorvolavano l'area abbiamo raccolto bottiglie, materiale da pesca (nei laghetti fino a qualche tempo fa era permessa), assi, un copertone e qualche oggetto più particolare... P4100045.jpg P4100052.JPG Tirfor in azione!!! P4100047.JPG Il sito è bellissimo, e merita di venir finalmente rivalutato per renderlo noto a tutti. In questo momento e per tutta la primavera una visita vi permetterà di vedere i girini di rospo comune che si affollano sulle rive, e il canto delle ridibunde vi accompagnerà per tutta la giornata. L'avifauna è particolarmente interessante, e alcuni punti attrezzati per le foto naturalistiche permettono dei bei scatti. A breve organizzeremo delle visite nell'area sia per ammirare la fauna che per continuare la pulizia delle zone meno accessibili, se siete interessati a partecipare contattateci.